Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Franchi Luciano - info@franchiidraulica.it - Cell. 335.6059251

Caldaie ecologiche a condensazione

Premessa I fumi di scarico prodotti dalla combustione contengono anidride carbonica, azoto, ossigeno ed una certa quantità di acqua sottoforma di vapore.
Le caldaie a condensazione hanno questo nome perché i fumi di scarico, prima di uscire dalla caldaia e andare nel camino, fanno un percorso obbligato; passando attraverso una sorta di scambiatore cedono calore all’acqua sanitaria e di riscaldamento.


Questo calore viene recuperato dal vapore acqueo presente nei fumi ( detto calore latente di condensazione), raffreddandosi, sotto una temperatura di circa 55° C, cosiddetta “temperatura di rugiada”, si trasforma in acqua allo stato liquido, “condensa”, convogliata in un apposito scarico della caldaia. La temperatura dei fumi (calore sensibile) può variare tra i 45° C e gli 80° C, a seconda della temperatura dell’acqua di caldaia, gestibile con regolazione climatica e sonda esterna, a differenza di una caldaia tradizionale ad alto rendimento che varia dai 150° C ai 180° C ottenendo così un altro punto di risparmio.


I rendimenti di combustione delle caldaie si riferiscono a:

  • Potere calorifico inferiore: quando si fa funzionare l’impianto a bassa temperatura utilizzando sonde esterne e centraline climatiche pur avendo radiatori in ghisa che normalmente funzionano ad alta temperatura si raggiungono percentuali di rendimento elevate per quanto riguarda le caldaie a condensazione 105% - 108%, mentre con caldaie ad alto rendimento il 91% - 93%; 2)
  • Potere calorifico superiore: quando l’impianto funziona ad alta temperatura variando le percentuali a 95% - 98% per caldaie a condensazione e 84% - 86% per caldaie ad alto rendimento.

In conclusione possiamo dire che le caldaie a condensazione inquinano meno perché riducono i consumi e diminuiscono le emissioni di CO2 (anidride carbonica), la migliore combustione comporta una riduzione di CO (ossido di carbonio) prodotta e riduce al minimo la produzione di NOX (ossido di azoto e le loro miscele) responsabile delle piogge acide.Per questo la Direttiva Europea 92/42/CEE classifica le caldaie a condensazione con 4 stelle che sarebbe la migliore qualità.

Per informazioni tel.: 3356059251 – e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.